Pyracantha

Piracanta

la forma

LA MERAVIGLIA

Nell’esposizione di questo bonsai di pyracantha si percepisce il mutare del tempo e il susseguirsi delle stagioni che anno dopo anno rendono questo bonsai sempre più vetusto. Carattere evidenziato dalla corteccia rugosa di colore grigio cenere che invecchiando vira allo scuro fessurizzandosi. L’elemento indicativo della stagione che si vuole ricreare si intuisce dalle bacche gialle-arancio in fase di maturazione che in autunno saranno di un rosso intenso. Lo stile a doppio troco col movimento che si espande verso l’alto e l’esterno suscita stabilità, forza ed armonia. Le foglie, il colore e la forma mettono in risalto i piccoli frutti che trasmettono allegria e meraviglia. Il muschio compatto e ben sviluppato sulla base del terreno dona una sensazione freschezza dilatando lo spazio e proiettandoci in un mondo che sembra lontano, ma che in realtà è dentro di noi. Come elemento di accompagnamento ho utilizzato una shitakusa, specie erbacea a foglia lanceolata che conferisce equilibrio e naturalità all’esposizione.
Questo esemplare di pyracantha lo si apprezza anche nel periodo primaverile, a maggio quando le abbondanti fioriture di un bianco candido rivestono i palchi donandoci stupore ed incanto.

 

mostra-5

il vaso

LA REGALITA'

Dovendo enfatizzare il carattere di questo bonsai nei periodi migliori per essere esposto, primavera e autunno, ho utilizzato un vaso in gres smaltato di colore blu cina, che contrasta con il bianco della fioritura e l’arancio rosso delle bacche. La forma rettangolare con bordi sporgenti e i piedini di appoggio visibili ne accentuano lo stile.

la cura

SOLE & ARIA

La pyracantha è una specie da esterno, cioè vive sempre all’esterno dell’abitazione tutto l’anno, predilige il sole e luoghi ventilati (tranne nel periodo del trapianto e post trapianto), quindi necessita di un controllo quotidiano soprattutto nel periodo vegetativo per fornire acqua e umidità necessarie al suo sviluppo. Oltre ad innaffiare si consiglia di nebulizzare giornalmente la chioma con acqua nei periodi estivi quando la temperatura supera i 30°C, preferibilmente la mattina e la sera verso il tramonto, se le condizioni atmosferiche non sono sfavorevoli. Quando la superficie del terreno comincia ad asciugarsi, si innaffia a fondo o se possibile si immerge completamente il vaso in un recipiente colmo d’acqua per alcuni minuti in modo che le radici possano assorbire l’acqua e tutti gli elementi nutritivi disciolti in essa e per rinnovare l’aria indispensabile per la respirazione delle stesse. Terminata l’innaffiatura si inclina leggermente il vaso in modo da permettere la fuoriuscita dell’acqua in eccesso, evitando che possa rimanere all’interno del vaso determinando marciumi e asfissia radicale. Nel periodo invernale, la pyracantha, come tutte le altre specie, rallenta o arresta la crescita e conseguentemente la richiesta di acqua e sostanze nutritive viene meno. Si deve evitare nei periodi più freddi che la temperatura delle radici scenda sotto lo 0°C riparando il bonsai sotto un tetto o avvolgendo il vaso e conseguentemente l’intero apparato radicale con un tessuto non tessuto, ottimo per isolare termicamente e nello stesso tempo permette il passaggio di aria.
Infine è bene somministrare sufficientemente concime durante tutto il periodo di attività della pianta con concime liquido o preferibilmente concime solido a lenta cessione. Se si rispettano queste condizioni il bonsai vivrà sano, senza malattie e resisterà a possibili attacchi di parassiti.